fbpx

Riaperto il Fondo Energia Emilia Romagna: finanziamenti per efficienza e rinnovabili

La Regione Emilia Romagna ha riaperto il Fondo Energia per sostenere:

  • gli interventi per l’efficientamento energetico nelle imprese
  • e l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili

I beneficiari

I beneficiari possono essere:

  • le imprese, in forma singola o associata,
  • le società d’area,
  • i soggetti gestori di aree produttive
  • e le ESCo, per gli interventi ammissibili a favore delle imprese.

Produzione di energia elettrica

Possono essere finanziati impianti in grado di ridurre o compensare i consumi dell’impresa, ovvero:

  • impianti realizzati in autoconsumo, dove parte dell’energia elettrica prodotta non viene immessa nella rete di trasmissione o distribuzione, ma direttamente utilizzata nel luogo di produzione (non sono ammissibili impianti in cui l’autoconsumo è limitato ai soli servizi ausiliari e di centrale);
  • impianti che vadano a bilanciare, in tutto o in parte, i consumi dell’azienda (in questo caso è necessario che i consumi dell’azienda -relativi anche ad altre imprese facenti parte dello stesso gruppo aziendale- non siano inferiori al 70% della produzione dell’impianto).

Produzione di energia termica

L’impianto dovrà soddisfare, in tutto o in parte, i fabbisogni dell’impresa richiedente.

Interventi ammessi

  • interventi su immobili strumentali (ampliamento, ristrutturazione e opere edili)
  • acquisto, installazione, adeguamento di macchinari, impianti, attrezzature e hardware
  • acquisizione di software e licenze
  • consulenze
  • redazione di diagnosi energetica e progettazione

L’agevolazione

Il Fondo interviene concedendo finanziamenti a tasso agevolato con provvista mista, derivante per il

  • 70% dalle risorse pubbliche del Fondo (Por Fesr 2014-2020)
  • e per il restante 30% da risorse messe a disposizione degli Istituti di credito convenzionati.

Il progetto presentato potrà:

  • essere finanziabile al 100%
  • per un importo tra 25mila e 750mila euro.

Il Fondo concede, inoltre, un contributo a fondo perduto, che copre le spese tecniche sostenute per:

  • la diagnosi energetica,
  • lo studio di fattibilità
  • e la preparazione del progetto di investimento.

L’importo massimo concesso a fondo perduto:

  • non potrà superare il 12,5% della quota pubblica di finanziamento ammesso
  • e verrà erogato dopo la rendicontazione finale del progetto.

Le domande sono aperte dal 30 marzo 2022 al 23 maggio 2022 (ore 16).

Plafond

Il Fondo ha una dotazione iniziale pubblica di 36 milioni di euro

Il progetto presentato dovrà essere accompagnato da:

  • diagnosi energetica
  • e/o progetto che evidenzi le opportunità di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni climalteranti.

Solare Sociale, oltre alla realizzazione delle opere, assiste le imprese clienti nella realizzazione della diagnosi energetica e del progetto necessari per il conseguimento di questa agevolazione.

Per approfondire clicca: Fondoenergia 

Contattaci per:

  • uno Studio di Fattibilità
  • e per un Preventivo Preliminare di spesa

Cristiano Venturi

soluzioni@solaresociale.it